La Storia di Colle Moro

Viaggiare in Abruzzo attraverso le emozioni storiche di una grande famiglia

Per una serie di vicissitudini “Zio Romano”, persona di grande carisma, si era trovato, nel dopoguerra, alla guida di una grande famiglia, di quelle composte da più generazioni di parenti che condividono casa e lavoro, interessi ed affetti. Famiglia fatta di zii, cugini, nipoti, “comari” e “compari”, in cui i più piccoli fanno fatica a capire chi sono tutti “quei signori” che frequentano la casa e chiamano “zio” e “zia” tutti i presenti, parenti e non, che mostrino di aver passato la soglia dei trent’anni.

Le “feste comandate” erano pretesto per grandi ritrovi e occasione di rivedere, tra mille manicaretti preparati dalle mani infaticabili delle “zie”, in un susseguirsi di racconti, giochi ed esibizioni musico-teatrali, parenti vicini e lontani, tra cui magari un incomprensibile “zio” americano, capace di parlare solo il dialetto stretto degli avi, lingua ignota ai più giovani…

Nei primi anni ’70, “Zio Romano regnante”, il nucleo Pescarese, allora composto da tre famiglie molto unite residenti in un’unica palazzina in città, decise di fuggire l’invadenza della cementificazione urbana e cercare spazi più aperti in campagna.
Nasce così la proprietà di Colle Moro, con le tre ville, a fianco alla preesistente casa colonica; e nasce così il parco che le circonda, frutto della passione di Zio Romano per la campagna e di Zia Maria (oggi “Nonna”) per i fiori. Per trent’anni hanno ricercato e piantato alberi e fiori di ogni varietà, specie nostrane e non, spesso dimenticate, trasformando quella che all’origine era una collina brulla, nel verde paradiso che oggi possiamo ammirare e godere.

Con gli anni, poi, le cose cambiano: nuove esigenze, nuovi fermenti culturali, nuove prospettive economiche, nuove occasioni umane hanno portato, un po’ alla volta, i giovani (di allora) su altre strade, verso altre mete. Con regolare costanza l’insediamento di Colle Moro si è andato spopolando, fino al 2003 quando, a difendere la postazione, era rimasta, quasi sola, Nonna Maria.

Dal suo amore per questo posto, dalla sua tenacia, dal suo desiderio di tenerlo vivo, crocevia di interessi ed affetti, nasce l’idea di aprirne le porte, per ridargli nuovo vigore nella condivisione. Le dà man forte il figlio Andrea. Per trent’anni ha girato il Mediterraneo col suo Mazzemarelle, barca a vela classica, accompagnando turisti nella scoperta affascinante delle meraviglie delle isole mediterranee, e delle infinite sfumature di azzurro, rosso, grigio, giallo e bianco che solo il mare sa offrire con tanta prodigalità.

Dà fondo ora alla sua ancora sotto l’imponente magnolia che fronteggia la casa di Colle Moro, per dedicarsi con nuovi ospiti alla (ri)scoperta dei colori e delle emozioni di cui è tanto ricco l’Abruzzo.

Contattaci

Collemoro Resort - B&B Villa Maria

Via Leonardo Petruzzi, 15 - 65013 Città Sant'Angelo (PE)
Telefono +39-348-3813195
Fax +39-085-95275
E-Mail info@collemoro.com